Il crepuscolo degli dei (minori)

Khanacademy è un’invenzione sulfurea. Questa idea, semplice e dirompente, rischia di mettere in crisi definitivamente il paradigma tradizionale dell’insegnamento. Il messaggio è che non c’è differenza tra una lezione frontale e una registrata. Anzi, il vantaggio di questa rispetto a quella sta proprio nella maggiore interattività richiesta allo studente. Non solo prendere appunti, ma anche interrompere la riproduzione, far ripetere quei passaggi che risultano oscuri. Il tutto senza timori di passare per cretino, di fronte all’autorità o ai compagni di classe.

Aggiungendo un forum di discussione lo strumento diventa perfetto. Il docente può rispondere alle domande degli studenti, seduto comodamente a casa davanti alla tastiera del suo computer, o invitare i ragazzi più meritevoli a collaborare aiutando chi “resta indietro”. Una volta testato il modello con un certa garanzia statistica, si potrebbero anche astrarre dai vari commenti le cosiddette FAQ, e per queste integrare la spiegazione con appositi spezzoni.

Mancherà il rapporto umano, forse? Si avvertirà l’assenza fisica del prof. che con il suo sguardo carismatico, con il tono della voce, riesce ad illuminare gli intelletti dei giovani discenti? Verrà così delusa la comunione di spirito e lo studio condiviso? In realtà, la relazione in una didattica tradizionale è del tutto accessoria e pleonastica. Il rapporto è uno molti, e l’attenzione si consuma sempre nella solitudine della coscienza. Per quanto riguarda il carisma, lo considero il retaggio di un insegnamento impressionistico e datato. Un docente non può contare solo su questo. E in ogni caso, se ne ha da vendere, potrà farlo attraverso la scrittura.

Molto meglio sarebbe accettare la necessità di una trasformazione non più differibile. I contenuti fluttuano ovunque ma ciò che non può essere surrogato in alcun modo è la capacità di renderli significativi. E allora immagino una scuola dove il docente è un maestro di bottega, un uomo che sa soprattutto fare le cose. Al pomeriggio le lezioni registrate? Va bene, al mattino, in classe, ci sarà tempo per gli esercizi, i problemi, i progetti, l’apprendistato cognitivo. Un’utopia a misura d’uomo, per la quale vale la pena spendere un po’ di speranza…

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Scuola e Didattica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...