Funerali (residuo di memoria n.3)

Tutto questo parlare di funerali mi ha ricordato un libro di Zavattini che leggevo da ragazzo, quando facevo il liceo, a Parma. Dentro c’erano scritte alcune poesie in dialetto, e una faceva così:

O vést an funeral acsé puvrét
c’an ghéra gnanc’al mort
dentr’in dla casa.
La gent adré i sigava.
A sigava anca mé, senza savé al parché
in mes a la fümana.

Era stato un mio professore a consigliarmi quel libro, e adesso che ci penso quel professore veniva da Novellara, che non è poi tanto lontana da Santa Vittoria. Lui diceva che Santa Vittoria era il buco del culo del mondo, diceva proprio così: il buco del culo del mondo! E che tutte le volte che ci passava, per venire a scuola, aveva paura di sprofondare, e di perdersi per sempre, con la macchina e tutto il resto. C’è della follia nella bassa, che contagia le persone. Una forza metafisica che promana dalla terra, in un luogo che non è solo uno spazio geografico ma soprattutto una determinazione dell’anima. Il surrealismo degli argini di bonifica e dei paesini affogati in mezzo ai campi di granoturco non sono cose per tutti. Per accedere a questo mondo parallelo servono ostinazione e visionarietà; ma soprattutto la capacità di saper credere in un mondo diverso.

Lascia un commento

Archiviato in I Violini di Santa Vittoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...